Ein versehentlicher Schuss in der Rekrutenschule machte den damals 20-Jährigen zum Paraplegiker.

«Oggi posso dire di stare bene o molto bene.»

Jonas Beglinger è paraplegico da quando un suo commi-litone gli ha sparato per sbaglio una pallottola nel ventre

Sondare i propri limiti, rendere possibile l’impossibile.

Quando un commilitone, durante la scuola reclute, gli sparò per sbaglio nella pancia, i medici pensavano che Jonas Beglinger non sarebbe sopravvissuto.  Oggi il 45enne di professione architetto paesaggista può dire di stare «bene o molto bene». Nonostante la lotta quotidiana contro i suoi dolori cronici, il paraplegico si definisce una persona dal carattere solare. La sua massima: sondare i propri limiti, rendere possibile l’impossibile.  

Testo: Robert Bossart

Foto: Beatrice Felder / p.g.c.

Accadde nella tredicesima settimana della scuola reclute nell'anno 1993 a Serneus, nei Grigioni: la sua sezione si stava esercitando al tiro con munizioni innescate. Ci furono problemi organizzativi che indussero a sospendere l’esercitazione. Jonas aveva già messo gli sci per lasciare il “luogo di combattimento”. Udì un forte botto e si sentì mancare il terreno sotto i piedi, cadendo all'indietro. Uno dei suoi colleghi aveva fatto inavvertitamente partire uno sparo che colpì Jonas Beglinger in tutta prossimità.   «Mi sono subito reso conto che ero paralizzato. Ma in quel momento partii dal presupposto che non sarei sopravvissuto.»

Pure i medici del Pronto Soccorso erano dello stesso avviso: dissero che non avevano mai visto nessuno restare in vita dopo aver subìto lesioni di quel genere. Ma Jonas Beglinger ha un cuore forte come un leone ed è altrettanto battagliero.

 

«Mi sono subito reso conto che ero paralizzato. Ma in quel momento partii dal presupposto che non sarei sopravvissuto.»

La ripresa dal punto di vista emotivo

Cinque operazioni all’addome e due mesi dopo, l’energico ragazzo che una volta pesava 75 chili era dimagrito a 40 chili. Per la prima riabilitazione venne trasferito a Nottwil. Nei primi tempi, il ragazzo ventenne soffriva molto a livello psicologico. Aveva degli sbalzi di umore frequenti e provava dei sentimenti angoscianti.  Durante i primi anni dovette lavorare intensamente alle sue condizioni mentali, era importante consentire alla tristezza di manifestarsi. La vicinanza della sua famiglia fu un grande appoggio, ma anche la presenza dei suoi amici fu incredibile.   Da lì nacquero amicizie per la vita. «Senza questo destino, probabilmente non avrebbe mai vissuto esperienze di questo genere.»

«Nottwil è un luogo positivo»

A Nottwil Jonas Beglinger ha imparato come gestire la propria vita da persona mielolesa. «Nella mia vita il Centro svizzero per paraplegici riveste tuttora un ruolo importante, è un’istituzione fantastica.» Jonas si rega regolarmente a Nottwil per delle sedute di fisioterapia volte a stabilizzare e rafforzare la muscolatura del tronco. Pur se a Nottwil ha trascorso il periodo più difficile della sua vita, rimane per lui un luogo del tutto positivo.

  • <p><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT">Con la sua handbike a tre ruote affronta più di una vetta.</span></span></span></p>
  • <p><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT">Jonas Beglinger ama i piaceri della vita.</span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT">Ama cucinare, la musica e l’arte.</span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT">Tutto ciò che tocca la sua sensibilità, lo interessa.</span></span></span></p>
  • <p><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT">Viaggiare è una grande passione di Jonas Beglinger.</span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT">I vicoli del Cairo lo hanno particolarmente impressionato.</span></span></span></p>

Con la sua handbike a tre ruote affronta più di una vetta.

Jonas Beglinger ama i piaceri della vita. Ama cucinare, la musica e l’arte. Tutto ciò che tocca la sua sensibilità, lo interessa.

Viaggiare è una grande passione di Jonas Beglinger. I vicoli del Cairo lo hanno particolarmente impressionato.

Fitte a ciel sereno

La paraplegia incompleta significa nel caso di Jonas Beglinger che è in grado di muovere leggermente la gamba destra, mentre la sinistra è totalmente insensibile. Viene assalito da fitte di dolore a ciel sereno, che durano da due a tre minuti e sopravvengono di colpo, manifestandosi come un'onda. Questi dolori lo colpiscono più volte al giorno e in alcuni casi sono così forti da fargli venire la nausea. Jonas Beglinger ha provato e tentato di tutto per avere la meglio sui dolori, purtroppo senza grandi risultati. Ammette di essere talvolta giù di corda,  i dolori lo inibiscono più della paraplegia in sé: «È una lotta sfibrante.»

«Ricercare i limiti delle mie capacità e riuscire a spostarli oltre, fin dove mi riesce»

Lo sport lo aiuta molto, in questo il paraplegico non conosce limiti: handbike, nuoto, con il monosci sulle piste di sci alpino o sulla pista di sci di fondo... ma è soprattutto la mountain bike la sua passione. Ama oltremodo affrontare percorsi sinuosi e accidentati o anche discendere una scalinata. Chiaramente talvolta gli capita anche di “rompersi il muso”. Ma il 45enne del Canton Glarona ama le sfide, non si lascia né scoraggiare né fermare dai dolori o dalla sua esistenza di paraplegico.

Der querschnittgelähmte Jonas Beglinger bei seiner Arbeit als Landschaftsarchitekt.

Il lavoro di un architetto paesaggista consiste in gran parte nel progettare e disegnare. Nel suo ufficio a casa a Mollis (GL) riesce a lavorare in tutta tranquillità.

Gioia di vivere

L’architetto paesaggista vive in una casa di nuova costruzione, situata in collina con una posizione stupenda, che ha progettato insieme a un suo amico architetto. Un'ampia facciata di finestre offre piena vista sulla natura circostante. «Tanta luce, molto spazio e assenza di ostacoli – è quanto corrisponde al mio bisogno di libertà.»  Jonas Beglinger non è uno che fa credere di vivere una bella vita. Per molti anni ha avuto difficoltà ad accettare il suo destino, ma oggi vive una vita soddisfacente, stimolante e appagata. «Oggi posso dire di stare bene o anche molto bene.» Con la sua paraplegia incompleta è in grado vivere una vita autonoma senza bisogno di dipendere dall'aiuto di terzi. «Questo significa moltissimo per me.»

 

Diventare membri

Una cosa triste, ma vera: in Svizzera, un giorno sì e uno no, una persona diventa paraplegica.  Una lesione del midollo spinale comporta elevati costi consecutivi, per esempio per i lavori di adattamento dell'abitazione o dell’automobile.  Affinché le persone che subiscono una mielolesione non debbano preoccuparsi anche degli aggravi finanziari, chi è membro dell’Unione dei sostenitori riceve un sussidio una tantum di CHF 250 000 nel caso subisca una para o tetraplegia conseguente a infortunio che implichi una dipendenza permanente dalla sedia a rotelle. Questo importo viene versato in tutto il mondo e indipendentemente da prestazioni assicurative, dal luogo dell’infortunio o di cura.

Potrebbe interessarvi

Aderire ora come membro e ricevere in caso d’emergenza un sussidio sostenitori di CHF 250'000.

Donare ora per sostenere i nostri progetti a favore delle persone para e tetraplegiche.