jobratgeber-schweizer-paraplegiker-stiftung

Cercate un lavoro? Ecco a cosa bisogna badare

L'équipe di coach di ParaWork all'interno del CSP aiuta i para e tetraplegici sul piano del reinserimento professionale. Le loro nozioni in materia di mercato del lavoro le hanno riassunte in una guida pratica.

1. Mantenetevi aggiornati nel vostro campo professionale e seguite regolarmente delle formazioni.

Il mondo evolve senza sosta. I requisiti di un mestiere cambiano anch’essi nel corso di fasi dinamiche. Tenetevi al corrente su cosa sia attualmente richiesto nella vostra professione. Rimanete aperti nei confronti di nuove evoluzioni.

2. Il vostro dossier di candidatura è la vostra carta da visita.

È possibile scaricare dei modelli di candidature da Internet, compilarli e spedirli. Ma sarebbe controproducente. Prendetevi la pena di redigere un dossier colorandolo di qualche nota personale, affinché il datore di lavoro possa farsi un’idea della personalità che ci sta dietro. Fornitegli un’immagine autentica di voi, senza arricchirla. Fornite un curriculum vitae senza lacune.

3. Gli annunci di lavoro appaiono anche in forma cartacea.

Non tutti gli annunci di lavoro appaiono su Internet, anche i quotidiani e i settimanali ne pubblicano. Non perdeteveli, sfogliateli attentamente.

ratgeber-stellensuchende-schweizer-paraplegiker-stiftung

4. Curate e sfruttate la vostra rete di conoscenze.

Se siete alla ricerca di un lavoro, non ne fate un segreto. Ditelo ai vostri amici e conoscenti. Cercate contatti con persone del vostro settore professionale, aderite a dei club o delle associazioni. Abbiate il coraggio di fare appello alle vostre conoscenze. Un collega o un amico non potrà magari trovarvi un lavoro, ma chissà, aiutarvi indirettamente o darvi un consiglio.

5. Servitevi delle piattaforme come LinkedIn e Xing, ma presentandovi in maniera professionale.

Le reti sociali sono di importanza capitale e offrono delle potenzialità e delle connessioni inattese. Tuttavia non sono senza rischio: fate attenzione a quello che postate sui social media, evitate le frasi suscettibili di mettervi prima o poi in cattiva luce.

6. Le candidature spontanee pertinenti vengono lette.

Sapete in quale azienda vorreste lavorare e quale compito è quello giusto per voi? Inviate la vostra candidatura, anche se non vi è nessun posto di lavoro vacante. Con un’argomentazione convincente, dimostrando il vostro interesse e sottolineando i vostri punti forti, è possibile produrre un effetto.

7. Abbiate coscienza dei vostri punti forti e rimanete autentici.

Chi racconta frottole, prima o poi viene scoperto. Inviate una foto recente, non vecchia, eviterete così delle situazioni imbarazzanti. Ciò che conta è essere autentici. Però non siate reticenti con i vostri punti forti: quando cercate un lavoro, non vi si chiede di «vendervi», ma di «posizionarvi» bene.

ratschlaege-fuer-stellensuchende-schweizer-paraplegiker-stiftung

8. Cercare un lavoro richiede molto tempo. Organizzatevi e pianificate tempo a sufficienza.

Quando chiamate il datore di lavoro in questione, siate ben preparati. In genere questo tipo di conversazione non dura più di cinque minuti. Ma non lasciatevi mettere sotto pressione, perché la concentrazione ne risente e rischiate di dimenticarvi l’essenziale.

9. Documentate come procedete nella vostra ricerca di lavoro.

Mantenete una buona panoramica della situazione: con chi avete parlato al telefono? Che cosa è stato convenuto? Quando potete riprendere contatto? Fate della vostra ricerca di lavoro una «gestione di progetto»: annotatevi le vostre attività, per esempio in una tabella Excel (nomi, date e contenuti).

10. Quando andate a presentarvi al colloquio di lavoro, badate ad avere un aspetto appropriato.

Riflettete su cosa vi attende al colloquio. Vestitevi conformemente alle abitudini usuali in tale professione e adeguate il linguaggio. Un aspetto curato è d’obbligo, le scarpe sporche proprio non vanno.

11. Informatevi in merito al vostro potenziale datore di lavoro.

I datori di lavoro apprezzano i candidati che mostrano interesse. Se vi siete ben informati sull’azienda e avete riflettuto bene in merito all’impiego, aumenterete le vostre probabilità di assunzione. Marcherete dei punti in fatto di simpatia, che potrebbero fare la differenza.

Lavorare presso il Gruppo Svizzero Paraplegici

Diventare membro
Diventare membro

Aderire ora come membro e ricevere in caso d’emergenza un sussidio sostenitori di CHF 250'000.

Diventare membro
Donazioni
Donazioni

Donare ora per sostenere i nostri progetti a favore delle persone para e tetraplegiche.

Donazioni