Willi Rüfenacht ParaHelp Blog

«Mi arrangio anche in sedia a rotelle»

Appassionato di moto, nel 2004 realizza un suo sogno, quello di un tour in Alsazia insieme ai suoi compagni su due ruote. Durante il tragitto, tutto d’un tratto sbuca fuori un cervo che fa rovesciare la moto lateralmente.

Duplice padre di famiglia, successo nel lavoro, appassionato di moto. Willi Rüfenacht, originario di Solothurn,  aveva un sogno: quello di un tour in Alsazia su due ruote. Nel 2004 riesce a realizzare il suo sogno e insieme a due amici parte per la vacanza in moto. Ma l’allora 57enne non sapeva cosa l’aspettasse.

Testo: Tamara Reinhard

Una gita che cambia tutto

Quella giornata fatale, Willi è in sella alla sua moto sulle strade dell’Alsazia e si gode il paesaggio. Durante il tragitto, tutto d’un tratto sbuca fuori un cervo che urta la moto lateralmente in modo tale da scaraventare Willi in aria, facendolo finire in un fosso al lato della strada. La sua moto continua a scivolare sull'asfalto, arrestandosi quando raggiunge il fosso proprio in quel punto, colpendo gravemente Willi, che rimane ferito alla schiena. Willi, che versa in condizioni gravissime, viene portato subito in un ospedale a Strasburgo, dove viene operato lo stesso giorno.

I medici gli stabilizzano la schiena con delle barre.

La diagnosi è uno shock per tutti: Willi non sente più le gambe ed è mieloleso dalla quarta vertebra toracica in giù. Dopo cinque giorni è trasportabile, viene quindi trasferito al Rehab di Basilea in reparto intensivo. 

Una volta guarite le fratture alle costole, il dinamico Willi è in grado di lanciarsi nel lungo percorso riabilitativo. Sette mesi per apprendere i gesti e le attività che gli consentiranno di affrontare la vita di tutti i giorni, come l'uso della sedia a rotelle, andare in bagno, guidare la macchina.  Oggi 71enne, chiarisce: «Se si diventa paraplegici a 57 anni, la riabilitazione dura più a lungo, poiché il corpo è già un po’ usurato». 

Grato del sostegno

Essendo membro dell’Unione dei sostenitori della Fondazione svizzera per paraplegici, a Willi viene versato il sussidio sostenitori. È anche grazie a questo contributo se ha potuto modificare la sua casa in modo che potesse ritornarvi a vivere dopo la riabilitazione. Ma Willi si è mai pentito del viaggio in moto? La sua risposta decisa: «No, il fatto di aver già vissuto molte cose in vita mia mi ha dato la forza necessaria per vivere con le limitazioni dopo l'incidente.» 

A motivarlo c’era soprattutto la sua famiglia, gli amici e il datore di lavoro. Trova così l’energia per andare avanti e affrontare le nuove sfide imposte dalla lesione midollare. E aggiunge illuminandosi in viso: «Un ringraziamento speciale lo devo a mia moglie Yvonne, senza di lei non andrei avanti.» Oggi più che mai è grato a sua moglie, dato che col passare degli anni ha sempre più bisogno di aiuto. Yvonne lo aiuta infatti a gestire le problematiche della vecchiaia legate al fatto di essere mieloleso.  

 

«Mi arrangio anche in sedia a rotelle»

 

Consulenza a domicilio per para e tetraplegici

Con la risposta sempre pronta, Willi racconta che pur se il suo apparato locomotorio non funziona più così bene, basta ancora a farsi valere. Come nell’agosto 2018, quando si mette a cercare un nuovo materasso per la prevenzione delle lesioni da decubito. Dapprima si fa consigliare presso un negozio di arredamento, che gli propone un materasso con una buona valutazione, ma assai caro.

Poi contatta la ParaHelp perché verifichi l'idoneità del materasso in questione. «Di ParaHelp avevo sentito parlare già quand’ero in riabilitazione al Rehab di Basilea, ossia di quelli che consigliano noi mielolesi a casa.» Si meraviglia quando l’équipe di ParaHelp gli sconsiglia però vivamente il materasso raccomandatogli: «È troppo morbido, soprattutto i bordi. Non è pratico per le persone mielolese, non possono starvi sedute bene sopra, per vestirsi o per eseguire il trasferimento nella sedia a rotelle», spiega Judith Schulthess, l’interlocutrice ParaHelp di Willi.  

Judith Schulthess si adopera quindi insieme agli infermieri del Centro svizzero per paraplegici per stabilire quale sia il miglior materasso per Willi.  ParaHelp fa consegnare in prova il materasso a casa di Willi, il quale dopo averlo testato per una settimana, si convince dell’acquisto: «Abbiamo fatto centro, oltretutto costa meno di quello del negozio di mobili!» Se necessario, ParaHelp fa consegnare in prova fino a tre materassi a domicilio. Ogni anno ParaHelp offre consulenza a oltre 1000 clienti in tutta la Svizzera.

 

  • L’infermiera diplomata SSS lavora da 10 anni presso Pa-raHelp come specialista nella cura dell’incontinenza, delle stomie e delle ferite. «Quando è stato inaugurato il Centro svizzero per paraplegici CSP, fu per tutti gli abi-tanti della zona un evento impressionante», racconta ancora oggi con entusiasmo. Nel 1993, allora non ancora 18enne, frequentò la scuola per assistenti di cura nel CSP e fece le sue prime esperienze.

    Durante la sua formazione per diventare infermiera diplomata SSS, la giovane lucernese imparò a conoscere anche altre cliniche e discipline mediche, tra queste la Neurologia nel corso di un praticantato nell’Ospedale cantonale di Lucerna. «Ma per me la cosa era già chiara dall’inizio: il mio posto è a Nottwil, non potrei immagina-re di lavorare in un altro posto.»

  • ParaHelp si dedica in tutta la Svizzera alla consulenza infermieristica ambulatoriale per le persone mielolese, persone con spina bifida (spina dorsale aperta) e persone affette da SLA (sclerosi laterale amiotrofica). ParaHelp analizza con i pazienti e i loro familiari la problematica presente e insieme si cerca di trovare una soluzione individuale. L’obiettivo di ParaHelp è di evitare l’insorgenza di complicazioni dovute alla paralisi, affinché le persone colpite possano conservare la maggiore autonomia possibile, indipendentemente dall’età e dalla situazione abitativa.

Instaurare una base di fiducia è importante

«Ero stupito di aver trovato un materasso senza tante complicazioni», spiega Willi. Sua moglie era presente durante la consulenza, seguendo il principio “quattro orecchie sentono più di due”. Dopo la consulenza per il materasso, Willi aggiunge mezzo scherzando di dover solo ancora migliorare la sua funzione intestinale. Judith Schulthess prende la palla al balzo e gli consiglia di rivedere la sua terapia farmacologica. «Si potrebbe provare a lavorare con medicamenti che sono veramente adatti alle persone paraplegiche per un uso prolungato.»

Willi, critico come sempre, dice di dover prima pensarci su. Judith Schulthess capisce l’iniziale reticenza di Willi:  «Una consulenza personalizzata a domicilio significa che le persone condividono con te aspetti della loro sfera privata. Ciò richiede tempo e fiducia.» Alcuni giorni dopo, Willi contatta ParaHelp e accetta la proposta. Insieme elaborano quindi la soluzione migliore, oggi Willi è soddisfatto della scelta dei medicamenti. 
 

 

Basta una chiamata

«Infine ParaHelp mi ha aiutato a prendere decisioni importanti al fine di conservare la qualità della vita che avevo sinora», riassume Willi. Oltre alla giusta scelta del materasso, Willi ha di nuovo il controllo della sua funzione intestinale. «Mi sento di nuovo sicuro nell’affrontare le mie giornate», asserisce Willi soddisfatto. «Anche mia moglie apprezza molto come mi trattano.» E se dovessero sorgere altre preoccupazioni, per lui e sua moglie una cosa è certa: prenderanno in mano il telefono e contatteranno Judith Schulthess della ParaHelp, direttamente.

La versione abbreviata di questo articolo è apparsa nell’edizione 01/2019 della rivista per i sostenitori «Paraplegia».

In Svizzera, un giorno sì e uno no, una persona diventa paraplegica.

Una lesione del midollo spinale comporta elevati costi consecutivi, per esempio per i lavori di adattamento dell'abitazione o dell’automobile. Aderite perciò come membri dell'Unione dei sostenitori della Fondazione svizzera per paraplegici, per ricevere 250 000 franchi nell'eventualità di un'emergenza.

Diventare membri

La vostra affiliazione – i vostri vantaggi – cosa facciamo

    • I membri ricevono un sussidio sostenitori di 250 000 franchi in caso di para o tetraplegia conseguente a infortunio che implichi una dipendenza permanente dalla sedia a rotelle.
    • Il versamento avviene in tutto il mondo.
    • Versamento rapido e senza trafile burocratiche.
    • Già 1,8 milioni di membri hanno fiducia nella Fondazione svizzera per paraplegici.

    • Il pagamento avviene indipendentemente da prestazioni assicurative, dal luogo d’infortunio o di cura.

    • Possono aderire sia persone residenti in Svizzera che all'estero.

  • La Fondazione svizzera per paraplegici è un’opera solidale di pubblica utilità, impegnata a favore della riabilitazione globale delle persone con lesione midollare. Insieme alle sue società affiliate e organizzazioni partner assicura un'assistenza a vita alle persone para e tetraplegiche. La Fondazione svizzera per paraplegici sostiene finanziariamente il Centro svizzero per paraplegici.  Nel Centro svizzero per paraplegici vengono trattati casi di lesione midollare e di lesioni alla schiena di altro genere. In Svizzera sono già 1,8 milioni di persone ad essere membri dell'Unione dei sostenitori della Fondazione svizzera per paraplegici.

Iscrizione alla newsletter

Aderire ora come membro e ricevere in caso d’emergenza un sussidio sostenitori di CHF 250'000.

Donare ora per sostenere i nostri progetti a favore delle persone para e tetraplegiche.