Nadja Bianda in ihrem Atelier in Sursee.

Peer Counselling

Nadia Bianda è in sedia a rotelle dopo un incidente in moto. Ancora oggi ci sono momenti in cui fa fatica ad accettare il suo destino, ma non si lascia abbattere. In veste di Peer Counsellor (consulente tra pari) presso il Centro svizzero per paraplegici (CSP) vuole infondere coraggio a coloro che vivono una situazione simile alla sua. Ha l’argento vivo addosso e non conosce ostacoli.

 

Testo: Peter Birrer
Foto: Beatrice Felder

Nadia Bianda Peer-Counsellor SPZ
    • Cosa rende speciale il mio lavoro? La cosa speciale nel mio lavoro è la comunicazione con gli altri consulenti peer.
    • Quali sono le sfide nella mia attività? Una delle sfide è per me ascoltare le preoccupazioni delle persone.
    • Perché c’è stato bisogno di me oggi? Tutti hanno il diritto di avere un punto di riferimento. Nella vita abbiamo sempre bisogno di un supporto, in modo da non perdere l’orientamento. Soprattutto perché è difficile accettare la nuova situazione fisica e psichica e imparare a gestirla. Oggi c’è stato bisogno di me, perché sono un supporto per altre persone con il mio stesso destino.

Questa donna ti dà l’impressione che nulla la intimorisca. Pur se le capita di chiedersi perchè il destino l’abbia colpita così duramente o perchè non sia stato possibile evitare questa caduta in moto, poi si ravvede: «Arrabbiarsi non serve a nulla, bisogna imparare ad accettare il destino.» Si chiama Nadia Bianda, ma tutti la chiamano Giordi. Carica di energia, la donna 49enne lavora da ottobre presso il Centro svizzero per paraplegici (CSP) come Peer Counsellor, o consulente tra pari. Si occupa soprattutto dei pazienti di lingua italiana, li ascolta, risponde alle loro domande infondendo loro coraggio. Ricca della sua esperienza, di temi tabù non ce ne sono. «È importante parlare di tutto, di alcune tematiche riusciamo addirittura a ridere», afferma portando l’esempio dello svuotamento vescicale, una problematica comune a molti mielolesi. «Io stessa ho dovuto apprendere a gestire tutto quanto.» Oltre al suo ruolo di consulente tra pari, Giordi fa da guida alle visite aziendali del CSP in italiano

«Bisogna accontentarsi di ciò che si ha»

 

Sentirsi un po’ a casa

Nadia Bianda è originaria di Prugiasco, un villaggio in Val di Blenio, dove cresce insieme a Solidea, la sua sorella gemella. A Prugnasco altre bambine portano il nome di Nadia, motivo per cui i genitori iniziano ben presto a chiamarla Giordi, diminutivo di Giordana. Giordi è un piccolo terremoto, curiosa, avventurosa, che non teme nulla. Il giorno prima del suo ventesimo compleanno sale sul sedile posteriore in sella alla moto del suo compagno. Ma l’escursione nella Svizzera tedesca è sfortunata, cadono in moto e Giordi rimane gravemente ferita. La diagnosi che segue è di paraplegia incompleta. Viene dapprima operata a San Gallo, poi a Lucerna, dove constatano delle fratture alla colonna sacrale. Altri interventi chirurgici seguono all’Inselspital di Berna. Per Giordi è un tormento, fino a che, tre anni dopo, viene a sapere del CSP. All’età di 23 anni viene a Nottwil, dove finalmente si sente ben assistita. Nel 1994 Giordi ritorna in Ticino, si sposa e nel 2000 dà alla luce una bambina: un sogno che diventa realtà. Poi, nel 2011, si trasferisce a Geuensee, nella Svizzera tedesca, dove però le manca la sua lingua madre. Perciò si reca spesso al CSP, dove trascorre delle serate chiacchierando e cenando in compagnia di pazienti ticinesi: «In questo modo riuscivo a sentirmi un po’ a casa», afferma spiegando poi come sia nata l’idea di diventare l’interlocutrice per i pazienti provenienti dal sud della Svizzera.

Sprizza ottimismo

Spesso tormentata da dolori brucianti, Nadia Bianda scopre che la pittura contribuisce ad attenuarli. Da questa forma terapeutica nasce un hobby, una passione che sfocia in una professione. «Quando vivo la mia creatività, mi muovo in un altro mondo», afferma illuminandosi. Apprende la pittura da Fausto Corda, un allievo dell’Accademia di Belle Arti di Brera. Nel suo proprio atelier a Sursee trasmette oggi il suo sapere e la sua arte a pittori dilettanti e ai più avanzati, incoraggiandoli ad esprimere artisticamente le proprie emozioni.

Il suo ottimismo lo ha ereditato da suo padre, del quale racconta: «Non ha avuto una gioventù facile, eppure non si è mai lamentato.» Tutto d’un tratto, le lacrime le rigano le guance: «Mi aveva sempre detto di non andare mai in moto. Io l’ho fatto lo stesso, e l’ho deluso.» Ma Giordi ha lottato per tornare a vivere, diventando un personaggio che vuole essere d’esempio per le persone con una disabilità simile alla sua e che si impegna più che può a favore delle persone disabili. Le sue massime di vita preferite sono «Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo» e «Bisogna accontentarsi di ciò che si ha». Sia in senso proverbiale che in senso lato, questo atteggiamento di fronte alla vita le dà la forza di superare le difficoltà. Adesso gli occhi di Giordi brillano di nuovo. Sì, questa donna ha la grinta di chi non conosce ostacoli.

 

In Svizzera, un giorno sì e uno no, una persona diventa paraplegica.

Una lesione del midollo spinale comporta elevati costi consecutivi, per esempio per i lavori di adattamento dell'abitazione o dell’automobile. Aderite perciò come membri dell'Unione dei sostenitori della Fondazione svizzera per paraplegici, per ricevere 250 000 franchi nell'eventualità di un'emergenza.

Diventare membri

La vostra affiliazione – i vostri vantaggi – cosa facciamo

    • I membri ricevono un sussidio sostenitori di 250 000 franchi in caso di para o tetraplegia conseguente a infortunio che implichi una dipendenza permanente dalla sedia a rotelle.
    • Il versamento avviene in tutto il mondo.
    • Versamento rapido e senza trafile burocratiche.
    • Già 1,8 milioni di membri hanno fiducia nella Fondazione svizzera per paraplegici.

    • Il pagamento avviene indipendentemente da prestazioni assicurative, dal luogo d’infortunio o di cura.

    • Possono aderire sia persone residenti in Svizzera che all'estero.

  • La Fondazione svizzera per paraplegici è un’opera solidale di pubblica utilità, impegnata a favore della riabilitazione globale delle persone con lesione midollare. Insieme alle sue società affiliate e organizzazioni partner assicura un'assistenza a vita alle persone para e tetraplegiche. La Fondazione svizzera per paraplegici sostiene finanziariamente il Centro svizzero per paraplegici.  Nel Centro svizzero per paraplegici vengono trattati casi di lesione midollare e di lesioni alla schiena di altro genere. In Svizzera sono già 1,8 milioni di persone ad essere membri dell'Unione dei sostenitori della Fondazione svizzera per paraplegici.

Iscrizione alla newsletter

Aderire ora come membro e ricevere in caso d’emergenza un sussidio sostenitori di CHF 250'000.

Donare ora per sostenere i nostri progetti a favore delle persone para e tetraplegiche.