Protagonisten_ParaForum,breiter

Esposizione

Informazioni relative al coronavirus

Il nostro più cordiale benvenuto nell'esposizione interattiva del nostro centro visitatori ParaForum. La nostra esposizione allestita come un loft si presta per un'escursione giornaliera a Nottwil, sia come visitatori individuali che per gruppi, oltre ad essere ideale per gli insegnanti, che potranno includere la visita nel loro programma scolastico.
Le diverse storie dei quattro protagonisti, che hanno in comune di aver subito una lesione midollare, aiutano ad approfondire la tematica e a scoprire cosa implichi una vita in sedia a rotelle, oltre che a offrire una panoramica dell'intero Gruppo Svizzero Paraplegici. Per mezzo di audioguide, brevi filmati e applicazioni interattive, ogni visitatore potrà prendersi il tempo che desidera all'interno dell'esposizione.

I coinquilini si presentano:

  • Bild im Vollbild öffnenParaforum_Besucherzentrum SPS_Stefan
  • Bild im Vollbild öffnenParaforum_Besucherzentrum SPS_Sarah
  • Bild im Vollbild öffnenParaforum_Besucherzentrum SPS_Christine
  • Bild im Vollbild öffnenParaforum_Besucherzentrum SPS_Matteo

Stefan, 41 anni, è tetraplegico da vent'anni. Dopo una carriera professionale ricca di successo si è sovraccaricato fisicamente. Ora deve rimettere in questione e riprogrammare la sua vita di tutti i giorni. Ma una cosa è rimasta intatta: la sua voglia di viaggiare.

Sarah ha 32 anni. È diventata paraplegica dopo essere caduta malamente durante una camminata in montagna cinque anni fa. Lei e il suo compagno si trovano a dover affrontare nuove sfide. Ma per Sarah una cosa è chiara: è con lui che un giorno vorrà mettere su famiglia.

Christine, 68 anni, è paralizzata dalle spalle in giù, colpita da una grave malattia. Dopo la prima riabilitazione nel Centro svizzero per paraplegici durata 12 mesi, il suo obiettivo è l'accessibilità, ovvero eliminare le barriere architettoniche per spostarsi in sedia a rotelle.

Il giovane Matteo ha 17 anni ed è il più giovane dell'appartamento in condivisione. Otto mesi prima ha fatto una brutta caduta in bici mentre faceva downhill, che lo ha reso paraplegico. Al momento i suoi interessi principali sono il riorientamento professionale e uscire con gli amici.

Informazioni

  • Visitatori

    Si presta per gruppi e persone singole

  • Iscrizione

    Obbligatoria a partire da 10 persone

  • Lingue

    Tedesco, francese, italiano e inglese

  • Età minima

    I bambini di età inferiore agli 8 anni devono essere accompagnati da un adulto.

  • Costi

    L'entrata all'esposizione ParaForum è un servizio gratuito offerto dalla Fondazione. Qualsiasi donazione sarà comunque gradita. Molte grazie!
    (Fondazione svizzera per paraplegici, 6207 Nottwil, CP 60-147293-5, IBAN CH 14 0900 0000 6014 7293 5)

  • Durata

    1 ora circa

Orari di apertura dell'esposizione:

  • Lunedì

    chiuso

  • Da martedì a sabato

    ore 10:00 - 17:00 (ultima ammissione prima della chiusura: ore 16.30)

  • Sabato

    ore 10.00 - 17.00 (ultima ammissione prima della chiusura: ore 15.30)

  • Domenica e festivi

    ore 10.00 - 17.00 (ultima ammissione prima della chiusura: ore 16.30)

Iscrizione

Piantina della casa

 

"È affascinante. Si vede soprattutto come si svolge in concreto la vita di chi è in sedia a rotelle. Spero che presto alloggi di questo genere esistano veramente." Ida Glanzmann-Hunkeler

 

I nativi digitali saranno nel loro elemento

Una visita del Centro svizzero per paraplegici rientra per molti insegnanti e scuole nel programma scolastico. Infatti, la lesione midollare permette di abbordare una moltitudine di temi e questioni inerenti l'integrazione sociale. Ogni anno sono all'incirca 3000 i giovani che partecipano a una visita guidata della clinica. Il nuovo centro visitatori mira proprio a questo esigente gruppo target, proponendo un nuovo modo di accedere alle principali tematiche sul campus di Nottwil. In effetti l'esposizione multimediale è concepita in maniera da far loro vivere momenti intensi di autosperimentazione attraverso varie attività interattive. Sensibilizzando il grande pubblico alle tematiche inerenti alle pari opportunità e agli interessi delle persone con mielolesione, la Fondazione svizzera per paraplegici contribuisce a suscitare una solidarietà verso le persone para e tetraplegiche orientata al futuro. Una solidarietà che è imprescindibile e che speriamo veder crescere ulteriormente.

 

Contatto

Vi potrebbe interessare anche

Quattro vite, quattro storie toccanti